Logo CEC.GROUP - Dichiarazione di conformita

Marcatura CE apparecchiature elettriche ed elettroniche

La nostra società esegue la consulenza sulla marcatura CE delle apparecchiature elettriche ed elettroniche e fornisce il supporto per capire cosa è necessario fare.

Breve illustrazione sulla Marcatura CE di un’apparecchiatura elettrica, elettronica e di quadri elettrici.

Con il termine “bassa tensione” si intente l’intervallo di tensione da 50 a 1000 Volt in corrente alternata e 75 a 1500 Volt in corrente continua.

I dispositivi che funzionano in bassa tensione rientrano tutti nella Direttiva 2014/35/UE nota come LVD e come “apparecchi elettrici” hanno l’obbligo di marcatura CE.

Esistono diversi prodotti per cui si fanno eccezioni o considerazioni particolari. Per esempio quando ci riferiamo ad un quadro elettrico con la finalità di comandare una macchina esso rientra anche nella Direttiva Macchine. Da ciò possiamo capire che il quadro elettrico in esempio deve rientrare nella Direttiva Bassa Tensione e deve rientrare nella direttiva del prodotto in cui viene installato.

Ascolta il nostro podcast

Marcatura CE apparecchiature elettriche ed elettroniche

di Ing. Renato Carraro | Domande e risposte sulla marcatura CE

I prodotti in bassissima tensione si marcano CE?

Esistono poi prodotti la cui tensione di funzionamento è inferiore rispetto alla bassa tensione, come per esempio un telecomando del televisore od una torcia portatile. Questi prodotti nonostante non rientrino nella Direttiva 2014/35/UE hanno ugualmente obbligo di marcatura CE perché rientrano comunque in altre direttive che la prevedono (p.e. Direttiva RoHS – 2011/65/UE, Direttiva Compatibilità elettromagnetica 2014/30/UE, Direttiva RED per le apparecchiature radio 2014/53/UE).

I prodotti elettrici ed  elettronici sono molte volte regolamentati anche da norme specifiche. Vengono da esse definite caratteristiche che sono OBBLIGATORIE da rispettare in fase di progettazione.

Possono essere richiesti dei Certificati che vengono rilasciati da un Organismo Notificato per alcune tipologie di prodotto. Essi però costituiscono una parte integrante della marcatura CE ma non la rappresentano MAI. (leggi qui la differenza).

La marcatura CE di un’apparecchiatura elettrica ed elettronica è OBBLIGATORIA.

marcatura ce apparecchiature elettriche ed elettroniche
Logo CEC.GROUP - Dichiarazione di conformita

Hai bisogno di fare la Marcatura CE?

La nostra società aiuta a chiarire qualsiasi dubbio sull’argomento guidando i clienti passo passo nella corretta realizzazione dei documenti necessari per la Marcatura CE.

Sei un produttore od un importatore? Le tue apparecchiature elettriche ed/od elettroniche devono essere marcate CE e non sai come fare? Chiedere informazioni e ricevere risposte e/o preventivi è gratuito.

Se decidi di lavorare con noi, ti guideremo passo passo nella marcatura CE delle apparecchiature elettriche ed elettroniche. Alla fine delle procedure i tuoi prodotti potranno essere immessi in libera circolazione all’interno della Comunità Europea senza alcun limite. Siamo Consulenti per centinaia di Aziende che si affidano a noi.

Collaboriamo quotidianamente con: Guardia di Finanza, Tributaria, Carabinieri, Polizia di Stato, Autorità Doganali, Tribunali, Camere di Commercio, Unioncamere ed Enti Locali i quali ci chiedono consulenza e perizie.

Puoi contattarci scrivendo una mail o telefonando. Il nostro esperto è sempre online.

Recapiti telefonici

Uff: +39 049 8875489

Cel: +39 347 3233851

 

}

Orari Ufficio

Lun – Sab

8:30 – 19:30

Hai bisogno di chiarimenti immediati? Scrivici una domanda

29 Commenti

  1. Enrico Lombini

    Se all’interno della mia azienda i miei manutentori elettrici autocostruiscono un quadro per uso solo interno, è sufficiente che sia costruito secondo le norme CEI EN di riferimento (61439-1, 61439-2, etc etc) con apposizione della targa oppure è necessaria anche la marcatura CE del quadro stesso che non sarà mai commercializzato?
    Grazie mille

    Rispondi
  2. Ferdinando Sabatino

    Salve, volevo solamente capire se il semplice componente motorino elettrico alimentato a 220 V ca ed utilizzato in ventilatori, quindi inteso come mero componente elettrico non utilizzabile per scopi funzionali per come viene venduto ma necessariamente integrato con altre componenti per fare un prodotto finito, deve essere marchiato CE oppure no.
    Il medesimo componente viene importato dall’estero e quindi sdoganato in Italia per la vendita a costruttore che realizza un prodotto finito.
    Grazie mille per un chiarimento in merito.

    Rispondi
  3. Carlo Della Giustina

    Buongiorno,
    se realizzo l’intera macchina in azienda, compresa l’intera parte elettrica e quindi anche il Quadro, devo marcare sia il Quadro che l’intera macchina o è sufficiente la macchina che ovviamente ha incorporato il quadro?
    Vi ringrazio, cordiali saluti

    Rispondi
  4. Diego

    Salve,
    ho acquistato un prodotto da un produttore di apparecchiature elettroniche in Bulgaria che è arrivato non marcato CE.
    Ho chiesto la ceritificazione e mi hanno inoltrato la certificazione secondo RoHS 2015/863 EU e riguardo al marchi CE scrivono:

    Our products are not completed (end/final) products and this products are intended to be installed in client projects. We are not able to know what are the conditions of use (current, voltage, humidity, static electricity, power surges, etc.) of our modules. For that reason our products are not CE marked.

    Il sistema è da integrare su un quadro elettrico di una abitazione (è un sistema di uscite relè e ingressi digitali/analogici con alimentazione 24v e connessione ethernet).

    Come dovrei comportarmi in questo caso?
    E’ il mio elettricista che dovrebbe integrare il componente e certificare?

    Rispondi
  5. Matteo

    Salve, sono un artigiano che costruisce lampade led con voltaggio 12v; il circuito è costituito da elementi già certificati e assemblati da me. volevo sapere come ottenere la certificazione CE del prodotto finito e quale documentazione occorre perché il prodotto sia a norma di legge.

    Grazie per l’attenzione.
    Matteo.

    Rispondi
  6. Silvia

    Buongiorno,

    il regolamento REACH 1907/2006 si applica per dichiarare la conformità CE di un dispositivo elettronico?

    Rispondi
    • Ing. Squizzato

      Salve,
      se il prodotto elettrico contiene al suo interno delle sostanze, questo va applicato.
      Cordiali saluti,
      ing. Squizzato

      Rispondi
    • Matteo

      Salve, sono un artigiano che costruisce lampade led con voltaggio massimo12v, praticamente mi trovo ad assemblare autonomamente parti già certificate.
      volevo sapere, per poter vendere il mio prodotto, di che tipo di certificazione ho bisogno? e come faccio ad ottenerla?

      Rispondi
      • Ing. Squizzato

        Salve,
        assemblare componenti singolarmente marcate CE significa comunque creare un prodotto nuovo, il quale dovrà essere a sua volta obbligatoriamente marcato CE in conformità alla Direttive e norme in cui rientra. La nostra società può fornirle tutta la consulenza per eseguire questo iter in modo corretto e permetterle la libera commercializzazione del prodotto in Europa. Se mi invia all’indirizzo mail squizzato@marchioce.net un suo recapito telefonico, posso chiamarla per fornirle qualche dettaglio in più e se poi vorrà le potrò far avere il preventivo per l’esecuzione del lavoro.
        Cordiali saluti,
        ing. Squizzato

        Rispondi
  7. Teresa Petrone

    Gentilissimi,

    volevo sapere se mi sapeste indicare di quali certificazioni ci fosse bisogno per apparecchiature elettriche con voltaggio pari a 3000 volt che non rientrano quindi nei dispositivi a bassa tensione.

    Sto cercando di capire se fosse possibile importare in Italia delle racchette elettriche per zanzare con il filo elettrico / con la presa/usb.

    Vi ringrazio in anticipo per la disponibilità.

    Cordialmente,

    Teresa Petrone

    Rispondi
    • Ing. Squizzato

      Salve,
      questi prodotti sono definiti “apparecchi elettrici” e devono rispettare diverse direttive (p.e. la RoHS) le quali prevedono l’obbligo di eseguire l’iter di marcatura CE. Se vuole può inviarmi a squizzato@marchioce.net un recapito telefonico a cui contattarla, in modo da approfondire l’iter da eseguire.
      Cordiali saluti,
      ing. Squizzato

      Rispondi
  8. Vincenzo

    Buongiorno Ingegnere, sono un artigiano (Elettricista) che produce banchi di fertirrigazione, per certificare questo prodotto quali documenti occorrono?
    (IL Banco di fertirrigazione e un assemblato, costituito da un teleaio in metallo uno, o più PLC, un quadro elettrico che comanda una pompa elettrica a 230/400Vac,e tramite delle condotte in pvc ed elettrovalvole(24Vac), aspira un liquido (acqua e fertilizzante) e lo inietta tramite la pompa in ina condotta in pressione.
    Cordiali Saluti

    Rispondi
  9. Luca

    Buon pomeriggio Ingegnere, mi occupo esclusivamente di progettazione meccanica, mi chiedono di poter realizzare un contenitore in carpenteria metallica al cui interno saranno installate le varie componenti elettriche (interruttori, pulsanti, prese, sistemi di comunicazione, ecc…), in modo da realizzare un’attrezzatura elettrica vendibile. La mia domanda è la seguente: per immettere sul mercato l’attrezzatura va marcata CE, tale marcatura prevede “obbligatoriamente” di eseguire tutti i test per soddisfare la direttiva bassa tensione 2014/35/UE oppure basta un’autocertificazione del produttore, che ovviamente si prenderà in carico tutti i rischi?

    Rispondi
  10. Luca

    Buonasera, non riesco a trovare info online in merito a questo quesito. Chiedo il vostro aiuto. Grazie
    Vorrei importare un apparecchio elettronico (5V) dalla cina e l’azienda produttrice mi ha inviato le certificazioni CE (riferita alla direttiva EMC) e RoSH. Le certificazioni sono reali e confermate sul sito dell’ente certificatore, ma vorrei capire se queste certificazioni sono valide a livello europeo per la vendita del dispositivo. Leggendo sul web qualcuno afferma che è necessario avere le certificazioni create da un laboratorio europeo oppure che l’ente certificatore cinese debba avere un rappresentante in EU, altri invece dicono che le certificazioni del laboratorio cinese sono valide per il fatto del “mutuo riconoscimento” delle stesse a livello mondiale.
    Qual’è la verità? Se può essere d’aiuto, il laboratorio cinese è bst-lab.com
    Grazie per il vostro aiuto.
    Saluti

    Rispondi
  11. Federico Tomasi

    Buonasera,

    fornite consulenza esclusivamente sulla marcatura CE o anche su eventuali certificazioni richieste nei paesi extra UE?
    Nel caso necessitassi di un preventivo, posso fare sempre riferimento agli indirizzi email che ha fornito in un precedente commento risalente al 2018?
    Grazie,
    FT

    Rispondi
  12. Sisto Zànier

    Buongiorno,
    produco un termometro per utilizzo caseario consistente in una parte elettronica con LCD alimentata con due batterie alcaline da 1,5V tipo AA in serie, ovvero con tensione di 3V ed una parte meccanica composta da un contenitore in materiale plastico POM, una mascherina trasparente in PVC ed una sonda PT100 inserita in un tubo in acciaio inox, chiuso in modo stagno (IP68) da un lato.

    Quali sono le normative da rispettare per la marcatura CE della parte elettronica e quali per la parte meccanica?
    Gradirei anche un preventivo di valutazione per il supporto di certificazione.
    Grazie per la vostra attenzione

    Rispondi
  13. Simone

    Buongiorno ,
    siamo una nuova software house e abbiamo la necessità di realizzare dei quadri elettrici per automazione industriale.
    Attualmente i quadri vengono realizzati da una società esterna che ci rilascia la sua dichiarazione di conformità , ma vorremmo apporre il nostro marchio CE.
    Come dobbiamo muoverci ?
    Può farci avere una quotazione ?

    Rispondi
  14. Marco

    Buongiorno, dovrei fare la certificazione CE su alcune schede elettroniche a bassissima tensione (5V) collegate ed alimentate da USB (Periferica USB PC).
    Potreste contattarmi per avere informazioni e preventivo?
    Grazie

    Rispondi
  15. marco carrara

    Buongiorno, ho acquistato alcune apparecchiature elettroniche da un’azienda di Repubblica di San Marino sprovviste del marchio CE e del certificato di conformità, le devo installare presso alcuni clienti. Non mi è chiaro chi si deve occupare di tale certificazione. Come mi devo comportare ?

    Rispondi
  16. ernesto

    Buongiorno, abbiamo realizzato una scheda elettronica che misura alcuni parametri ambientali (temperatura, etc…) . Può essere alimentata a batteria o a 5V. I dati vengono trasmessi wireless multiprotocollo.
    Ci occorre certificare o marcare il prodotto CE.
    Come si fa ad avere invece il certificato Rohs del prodotto?
    Come si fa ad ottenere invece la certificazione x esportare in Giappone tale prodotto?
    Posso avere un preventivo per la certificazione /marcatura CE e se potete anche per la certificazione giapponese….
    grazie

    Rispondi
  17. Eleonora

    Salve, vorrei sapere se i componenti per strumenti musicali devono possedere la marcatura CE oppure no. Mi riferisco in particolare ai connettori jack che servono a collegare lo strumento all’amplificatore.
    Grazie mille, un saluto

    Rispondi
  18. mahmoud

    Vorrei chiedere se per la certificazione OBL è necessario avere una sede operativa ed un magazzino
    Grazie

    Rispondi
  19. Sisto Zanier

    Buongiorno,
    desidero sapere se un apparecchiatura eslcusivamente alimentata da 2 batterie alcaline(1,5x2V) o una litio da 3,0V÷3,7V, (termometro con LSC e sensore PT100 protetto in asta in acciaio inox) é necessaria una autocertificazione CE per le parti elettroniche e contenitore plastico (ABS)

    Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.