La nostra società esegue la marcatura CE dei prodotti e fornisce la consulenza per capire cosa è necessario fare.

Marcatura CE o Certificato CE?

Marcatura CE o Certificato CE? Qual è il più importante? Agli occhi della legge, quale si deve avere? Dove si possono trovare le conferme? Sono due cose diverse e perchè lo sono?

Lo scambio di identità tra una cosa spesso volontaria ma non in tutti i casi (certificazione CE) ed una cosa obbligatoria sempre e comunque (marcatura CE o altre procedure di conformità) è un errore molto frequente.

Le procedure di valutazione della conformità di un prodotto si suddividono in due strade:

  • quella che può essere eseguita e completata dal fabbricante o dal soggetto che immette sul mercato della Comunità Europea (importatori, mandatari) il prodotto;
  • o quella la cui valutazione di conformità deve OBBLIGATORIAMENTE essere completata da un Ente riconosciuto ed abilitato a livello Europeo (Organismi Notificati)

Qual’è il ruolo dell’Organismo Notificato?

Per entrambi casi la marcatura CE o la conformità alla Direttiva 2001/95/CE rimane sempre obbligatoria da parte del fabbricante! Quello che li differisce è la certificazione CE.

Quando pertanto richiesto, il ruolo dell’Organismo Notificato è di:

  • eseguire dei test di controllo specifici richiesti dalla direttiva o dalla norma armonizzata e rilasciare un Certificato (riconosciuto a livello comunitario)
  • e/o di verificare e certificare il sistema produttivo.

Questo certificato entrerà a far parte del “Fascicolo Tecnico” che costituisce la marcatura CE o la conformità alla Direttiva 2001/95/CE.

NOTA: il certificato rilasciato da Organismo Notificato è obbligatorio in alcuni casi ma non costituisce MAI la Marcatura CE. Quest’ultima è sempre obbligatoria ed il certificato ne è una parte integrante.

La certificazione comprende più fasce di prodotto. Può riguardare prodotti:

  • già sul mercato
  • che devono essere immessi sul mercato
  • in fase di progettazione.

Quali servizi offre per Te la C&C?

    Il nostro ruolo di società di consulenza nel campo della certificazione è quello di guidare produttori, importatori e mandatari nell’iter di marcatura CE, conformità alla 2001/95/CE ed alla certificazione dei loro prodotti. Siamo costantemente in contatto con gli Organismi Notificati Europei.

    Vogliamo fornire ai produttori/importatori un servizio basato sulla nostra esperienza (oltre 40 anni di consulenza tecnica) e soprattutto indicare gli elementi per valutare il nostro lavoro. A nostro avviso l’esperto non è colui che pontifica e rivela la sua verità, ma chi fa conoscere e capire agli altri qualcosa che a loro è utile e lo sarà anche in futuro.

    Le informazioni di carattere generale le forniamo gratuitamente. Le informazioni operative e che contribuiscono al reddito aziendale, le forniamo a pagamento solo dopo che il cliente ha accettato il nostro preventivo. Normalmente per le Autorità lavoriamo Pro Bono.

    Puoi contattarci scrivendo una mail o telefonando. Il nostro esperto è sempre online.

    Recapiti telefonici

    Uff: +39 049 8875489

    Cel: +39 347 3233851

     

    }

    Orari Ufficio

    Lun – Sab

    8:30 – 19:30

    Hai bisogno di chiarimenti immediati? Scrivici una domanda

    161 Commenti

    1. Helena

      Come posso verificare che il mio prodotto e stato certificato da un
      Ente riconosciuto ?

      Rispondi
      • admin

        Salve, innanzitutto il Suo prodotto non può essere stato certificato da un organismo notificato, che invece può avere certificato un campione di prodotto e non certo tutta la produzione.
        Quindi il Suo prodotto specifico deve essere marcato dal produttore, che mediante la dichiarazione di conformità, lo dichiara conforme.
        Nel caso la legge lo richieda (dipende dal tipo di prodotto) è necessario che il produttore abbia un certificato, che non deve consegnare con il prodotto, in questo caso dopo il marchio CE ci deve essere un numero di 4 cifre che identifica l’organismo notificato.
        In ogni caso Lei deve avere la dichiarazione di conformità consegnatale al momento dell’acquisto, firmata dal produttore, a Lei di certificati non interessa nulla, sull’etichetta ci deve essere il CE con il numero, ma quest’ultimo solo in determinati casi e non sempre.
        Di solito quando un venditore parla di organismi, c’è sempre qualche problema.
        Cordiali saluti
        Ing. Squizzato

        Rispondi
    2. Gianluca Brusati

      Salve,
      siamo un’azienda che produce SW medicali, per i quali procediamo con marcatura e certificazione CE secondo quanto previsto dalla direttiva di riferimento (93/42/CE).
      Stiamo ora sviluppando un prodotto SW che non si classifica come medicale ma si può definire come un generico SW gestionale.
      Mi chiedevo se per i prodotti SW generici sia prevista/richiesta marcatura CE e/o necessaria emissione di dichiarazione di conformità e se anche questa tipologia di prodotti debba far riferimento alla generica direttiva 2001/95/CE.
      Grazie mille.
      Cordiali saluti

      Rispondi
      • admin

        Salve, l’obbligo della marcatura CE dipende dalla destinazione d’uso del prodotto, se il software è destinato ad una macchina deve rispettare la direttiva macchine e così vale per tutte le altre direttive, se la destinazione finale non ricade in nessuna direttiva specifica, dovrà rispettare la 2001/95/CE.
        Cordiali saluti
        Ing. Squizzato

        Rispondi
        • Gianluca Brusati

          Gent.mo Ing. Squizzato,
          grazie per il sollecito e cortese riscontro, tutto chiaro.
          Potremo quindi procedere secondo i nostri standard/procedure con la registrazione delle evidenze di progettazione/produzione/test in rispetto della 2001/95/CE.
          Ultima domanda, se posso…
          Pur in assenza di marcatura CE, saremmo comunque tenuti alla redazione/emissione di una dichiarazione di conformità?

          Grazie mille.

          Rispondi
          • admin

            Salve, dato che il prodotto rispetterà la direttiva 2001/95/CE, dovrebbe esserci una dichiarazione in tal senso, la legge non è esplicita in tal senso, ma farla non farà certo male e Vi distinguerà dalla massa.
            Cordiali saluti
            Ing. Squizzato

            Rispondi
    3. Stafania boschi

      Buongiorno,amministro una coop sociale con un laboratorio artigianale di ragazzi disabili. Vorremmo produrre dei giocattoli non elettronici per bambini con deficit e non ( libri tattili, scatole per i suoni etc..). Potrebbe per favore indicarmi le procedure e i relativi costi? Grazie

      Rispondi
    4. mauro

      Buongiorno,
      ho aperto una società che assemblerà un’apparecchiatura elettrica per l’analisi dei gas presenti nel respiro umano.
      Da quello che ho capito, per poter commercializzare il dispositivo, necessitiamo della marcatura CE e di aderire ai principi della normativa CISPR 24 \ EN 55024.
      Per caso, offrite questo servizio? Quali sono i costi?
      Saluti,
      Mauro Biasolo

      Rispondi
      • admin

        Salve, anche nel Suo caso, come in migliaia di altri, quindi le mie considerazioni non riguardano solo Lei, si osserva l’indice anziché la luna verso cui l’indice è rivolto.
        La marcatura CE significa rispetto delle direttive (leggi) comunitarie che disciplinano un certo prodotto, quindi sembra incompressibile che il 95% delle persone interessate parlino delle norme, sempre volontarie, anziché delle direttive, sempre obbligatorie.
        Lei come milioni di altri soggetti al mondo, raccoglie la disinformazione diffusa a livello mondiale dalle multinazionali dei certificati e della menzogna.
        Il motivo per il quale si rimanda alle norme è semplice: le norme prevedono certificati ed i certificati devono essere pagati alle suddette multinazionali.
        Le direttive solo in pochi casi, non il Suo, prevedono l’obbligo di certificati, ma solo come complemento al fascicolo tecnico, che invece ci deve essere sempre e di cui quasi nessuno parla.
        Naturalmente Lei non si deve fidare di ciò che trova in internet, compreso il nostro sito, ma far riferimento alle direttive: bassa tensione, compatibilità elettromagnetica, RoHS, le legga e vedrà che in esse non troverà riferimenti ad obbligo di organismi notificati e certificati.(veda considerando n.9 della direttiva 2014/35/UE.)
        La nostra società fornisce la consulenza, sempre volontaria, per predisporre il fascicolo tecnico e fare la marcatura CE e per fare chiarezza in un ambito nel quale l’informazione parziale, vale centinaia di milioni di dollari nel mondo.
        La saluto cordialmente
        ing. Squizzato

        Rispondi
    5. Paolo Pellicioli

      Salve, stiamo costituendo una società di produzione prese per arrampicata sportiva (uni en 12572-3) volevamo capire se era necessaria la certificazione o é sufficiente la marcatura ce

      Rispondi
      • admin

        Salve, il prodotto ha l’obbligo di marcatura CE, ma nel fascicolo tecnico il produttore dovrà avere anche un certificato relativo alle prestazioni del prodotto.Quindi è necessaria la certificazione, come componente della marcatura CE.
        Cordiali saluti
        ing. Squizzato

        Rispondi
    6. Gerry Silvio

      Salve,
      rivendiamo pavimentazione antitrauma in granulo di gomma riciclato SBR che viene utilizzato all’interno di palestre, di aree gioco esterne ecc. Per tali prodotti, che so di per certo essere 100% italiani in quanto conosco bene l’azienda produttrice, il produttore non mi fornisce alcuna certificazione di conformità, marcatura CE o altro.
      A questo punto, Vi sottopongo i miei dubbi:
      – Per tali prodotti, sono necessarie tali certificazioni?
      – Potrei essere io stesso, come rivenditore, a dotarmi di queste o posso chiederle all’azienda produttrice che è obbligata a fornirmele?
      – Ritenete necessarie ulteriori certificazioni che, ammetto, sporadicamente alcuni miei clienti mi richiedono, quale certificazione di reazione al fuoco, antivibrante, o altro che ammetto non conosco.

      Vi ringrazio anticipatamente per le eventuali cortese risposte che vorrete darmi.

      Rispondi
      • admin

        Salve, Lei parla diffusamente di certificati ed accenna appena alla marcatura CE.
        Forse La stupirà sapere che le legge impone la marcatura CE, mentre non chiede certificati, ma questa è una lunga storia fatta di molti imbrogli, di cui abbiamo diffusamente parlato in molte parti di questo e di altri siti, da noi gestiti.
        Il produttore DEVE fare la marcatura CE di questi prodotti, se Lei acquista senza marcatura CE, la deve fare Lei se vuole vendere nel rispetto della legge.
        Legge che sembra essere sconosciuta alla maggioranza dei cittadini italiani ed europei, comprese le autorità di controllo, che si ostinano a perseguire i commercianti cinesi, come se gli altri fossero in regola, ma il razzismo ha molte facce, ed anche questa è una di esse.
        Può fare come fa la maggioranza, cioè nulla, oppure mettersi in regola.
        Questo è un prodotto da costruzione ed ha almeno una norma armonizzata, quindi non ci sono dubbi sull’obbligo di marcatura CE.
        La nostra società fornisce l’assistenza e la consulenza necessarie.
        Cordiali saluti
        ing. Squizzato.

        Rispondi
    7. Marco

      Buongiorno, siamo una nuova realtà che realizza accessori di lusso con commercializzazione online e successivamente in boutique nazionali.
      Parliamo di foulard, occhiali da sole, fazzoletti da taschino, cravatte etc etc, vorremmo sapere se è necessaria la marcatura o certificazione CE.
      Grazie mille

      Rispondi
      • admin

        Salve, tutti i prodotti elencati ad esclusione degli occhiali da sole, rientrano nella direttiva 2001/95/CE, che non impone l’obbligo di marcatura CE sul prodotto, ma una procedura di gestione molto simile.
        Gli occhiali da sole sono invece dei dispositivi di protezione e devono essere marcati CE, ma nessuna certificazione è richiesta.
        Tutti i prodotti necessitano di un fascicolo tecnico, che non è il manuale di istruzioni.
        La nostra società fornisce la consulenza per fare ed imparare a fare la marcatura CE.
        Cordiali saluti
        ing. Carraro

        Rispondi
    8. Antonio

      Buongiorno volevo sapere, per un gioco da tavolo (Monopoli tipo) si devono seguire normative ce? O bastano le certificazioni dei prodotti accessori del gioco? (Cartoncino dadi pedine ecc)

      Rispondi
      • admin

        Salve, ogni giocattolo deve essere sottoposto alla procedura di marcatura CE, senza eccezioni.
        Il fatto che i componenti siano a norme aiuta, ma non è sufficiente, perchè è il nuovo prodotto e non l’insieme dei pezzi, che deve essere marcato CE.
        La nostra società fornisce la consulenza per fare ed imparare a fare la marcatura CE.
        Cordiali saluti
        ing. Squizzato

        Rispondi
        • Antonio

          Buongiorno più o meno i costi da sostenere per la procedura? Cosa devo fornirvele?

          Rispondi
          • admin

            salve, dovrebbe inviare una mail a carraro@marchioce.net con la descrizione dei prodotti da marcare, noi Le invieremo un preventivo.
            Cordiali saluti
            ing. Squizzato

            Rispondi
    9. ivan squillacciotti

      salve,
      vorrei realizzare dei mobili da arredamento in legno ed alluminio per poi venderli tramite un negozio online.
      Immagino sia necessario il marchio CE del prodotto finito ed assemblato e quimdi vi contatto per sapere a quali costi e tempi si va incontro per ottenere tale marcatura

      Rispondi
      • admin

        Salve, se i mobili non hanno alcuna applicazione elettrica, tipo luci interne o altro, non devono e non possono essere marcati CE.
        Tuttavia devono rispettare norme e direttive simili, ma che non prevedono la presenza del marchio CE.
        Noi forniamo l’assistenza anche per questo tipo di procedure, ovvero la conformità alla direttiva 2001/95/CE “sicurezza generale dei prodotti”.
        Nel caso fosse interessato invii una mail a carraro@marchioce.net Le invieremo un preventivo ad hoc.
        La saluto cordialmente
        ing. Squizzato

        Rispondi
    10. Roberto

      Salve, abbiamo realizzato un sistema di misura che si concretizza in un piccolo computer, un plc, un gps, il tutto contenuto all’interno di un armadietto metallico, alimentato max 24Vdc
      Vorremmo fornirlo ad alcuni nostri clienti, tenendo presente che il contenuto dell’armadietto potra’ variare leggermente in funzione delle richieste del cliente
      Per poter fornire questo sistema ai nostri clienti, in tutta sicurezza ed osservando le normative in vigore, quali documentazioni / certificazioni e’ necessario ottenere?
      Ci puo’ consigliare un percorso ottimale da seguire?

      Rispondi
      • admin

        Salve, l’unico percorso possibile ed obbligatorio è la procedura di marcatura CE, che prevede la costituzione dell’intero fascicolo tecnico con tutti i documenti realizzati per creare questo prodotto.
        Noi siamo a disposizione per fornire la nostra consulenza nel caso riteneste Vi possa essere utile.
        Possiamo inviare un preventivo, del tutto gratuito, è sufficiente una semplice richiesta.
        Cordiali saluti
        ing. Squizzato

        Rispondi
    11. Franco Maffeiz

      buongiorno, INg Carraro.
      la nostra azienda progetta e vende direttamente attrezzature sportive per circhi e palestre, di cui, purtroppo, non esistono normative specifiche a cui riferirsi.
      Per realizzare delle linee guida progettuali ci siamo ispirati a più norme che regolamentano altri prodotti (UNI EN 365:2005 – UNI EN 913:2009 – CERTIF 2001/95/CE).
      il nostro dubbio è: Marcare CE un prodotto tale, è sbagliato?
      oppure, citando le norme a cui ci siamo parzialmente riferiti, è consigliato?
      la marcatura CE è obbligatoria dove non esista una norma di riferimento specifica?
      certi che l’argomento richiederà un approfondimento, la ringrazio per le risposte preliminari che saprà darmi.

      Rispondi
      • admin

        Salve, come spesso accade (non c’è nulla di strano), Lei confonde le norme con le direttive e con le leggi.
        Sono le direttive che impongono la marcatura CE e non le norme, che invece forniscono dei criteri di esecuzione dei prodotti.
        Va bene rispettare le norme, quando ci sono, ma innanzitutto è necessario rispettare le direttive, inoltre è corretto far riferimento alle norme più vicine al prodotto che si sta trattando, se non ne esistono di specifiche.
        Nel caso di specie, l’unica direttiva applicabile è la 2001/95/CE “sicurezza generale dei prodotti”, che ha alcune norme armonizzate, che potrebbero coprire i Vostri prodotti, ma è ovviamente necessaria un verifica su queste norme.
        La direttiva 2001/95/CE NON richiede e NON consente l’applicazione del marchio CE sul prodotto, quindi si dovrà predisporre un fascicolo tecnico per prodotto, una dichiarazione di conformità alla direttiva ed alle eventuali norme, l’etichetta da applicare al prodotto, ma niente marchio CE.
        La saluto cordialmente
        ing. Squizzato

        Rispondi
    12. Valentina

      Salve,
      un produttore di pannelli per rivestimento di facciate ventilate, che assembla pannelli unendo vari prodotti marcati CE, deve fare una marcatura/certificazione o altro anche del prodotto assemblato finale o bastano le marcature dei singoli materiali poi assemblati.

      Grazie

      Rispondi
      • admin

        Salve, è sempre importante stabilire se il lavoro è solo di installazione o anche di fornitura, perchè per la legge chi vende con il proprio nome è sempre “produttore”.
        Inoltre occorre tenere presente che la marcatura CE disciplina il cosa (i componenti già marcati CE) ed il come, ovvero come si mettono assieme.
        Da tutto ciò deriva che se Lei fornisce solo mano d’opera si assume la responsabilità solo del montaggio, se fornisce tutto e soggetto agli obblighi del produttore.
        Cordiali saluti
        ing. Squizzato

        Rispondi
    13. Angela Scifo

      Salve per poter diffondere sul mercato un prodotto che è un dispositivo medico alimentato da batteria o presa di corrente, da noi inventato e eseguito da spin off universitario cosa si deve fare per ottenere la certificazione?Consigliate brevetto italiano o estero?

      Rispondi
      • admin

        Salve, nessuna delle due cose che Lei ha citato è necessaria ,mentre invece è obbligatoria la marcatura CE, se desidera maggiori informazioni o un preventivo gratuito ovviamente, ci contatti alla mail carraro@marchioce.net
        Cordiali saluti
        ing. Squizzato

        Rispondi
    14. MARLESA SRL

      abbiamo UNA DITTA CHE COSTRUISCE CASE IN LEGNO – MASSELLO O PANNELLI PREFRABBRICATI – ABBIAMO BISOGNO DELLA MARCATURA CE E COME FARE??
      gRAZIE

      Rispondi
      • admin

        Salve, tutti i componenti della casa devono essere marcati CE, laddove è possibile, infatti il Regolamento 305/2011/UE impone la marcatura CE, ma ci deve essere una norma armonizzata, altrimenti non è consentito, oppure si chiede un ETA, ma è un discorso molto complicato.
        La casa nel suo complesso, essendo soggetta a concessione edilizia ed a collaudo, è ad un livello superiore alla marcatura CE e quindi non deve essere marcata CE, in quanto soggetta a controlli di livello superiore a quelli richiesti al produttore.
        Nel caso vogliate procedere alla marcatura CE di pannelli o altro, siamo a disposizione.
        Cordiali saluti
        ing. Squizzato

        Rispondi
    15. paolo

      buonasera, realizziamo lampade da arredamento con prodotti elettrici già certificati CE. Per esser piú precisi, acquistiamo i cavi , i portalampade, spine e prese e li assembliamo. Vorremmo sapere, gentilmente, come ottenere la certificazione CE sulle lampade da noi assemblate.
      cordiali saluti
      Paolo

      Rispondi
      • admin

        Salve, il Vostro obbligo è la marcatura CE e non la certificazione del prodotto, sono due cose completamente diverse e la confusione nel merito è totale.
        Marcare significa fornire garanzia di sicurezza di ogni prodotto venduto, certificare significa dimostrare che un campione rispetta le norme, non mi sembra siano due cose uguali, ma c’è qualcuno che sfrutta la confusione per guadagnare molti soldi.
        La direttiva sulla bassa tensione esclude esplicitamente la necessità di fare certificati ed ha tolto a tutti gli organismi, la notifica su questa direttiva, significa che NESSUNO al mondo può fare dei certificati con valore di legge.
        Nulla vieta di fare i certificati, ma sarebbe opportuno sapere a cosa servono e soprattutto che sono volontari.
        Se desidera avere un preventivo per la nostra assistenza sulla marcatura CE, ci invii una richiesta a squizzato@marchioce.net
        Cordiali saluti
        ing. Squizzato

        Rispondi
    16. Attilio

      Buongiorno, io creo macchinari per centri estetici con monitor, tastiera, una webcam e un software interno dedicato, cosa devo fare per poter mettere in vendita l’apparecchiatura?

      Rispondi
      • admin

        Salve, ciò che Lei deve fare è il fascicolo tecnico completo del Suo prodotto, che prevede una serie di obblighi da parte Sua.
        Data l’importanza della cosa ed i rischi che corre, forse la questione dovrebbe meritare qualcosa di più di una risposta su un blog.
        Cordiali saluti
        ing. Squizzato

        Rispondi
    17. Mattia

      Salve, sto seguendo i lavori di un cantiere edile e alla conclusione i committenti hanno voluto installare un cancello nuovo motorizzato. Non conoscendo alcuna ditta che potesse fabbricare questo cancello hanno chiesto al sottoscritto se conoscessi qualche carpenteria. Conoscendo una ditta che fabbrica complementi d’arredo e oggetti in ferro/acciaio ho proposto questa, in quanto, a mio avviso molto brava sul risultato finale. Ora, l’elettricista chiede che questa ditta marchi CE il cancello (due ante a battente di poco meno di 3m) mentre il carpentiere sostiene che ha sempre prodotto una dichiarazione di corretta esecuzione ad opera d’arte. Io nella questione centro poco ma per la prossima volta come ci si deve comportare?
      Saluti

      Rispondi
      • admin

        Salve, l’elettricista ha ragione, anche se la marcatura CE finale la deve fare lui, però ciò che dichiara il carpentiere è pura fantasia.
        Da quanto Lei scrive si evince che nessuno dei due ha mai letto il regolamento sui prodotti da costruzione o la direttiva macchine, che sono le due leggi che disciplinano questo prodotto.
        La prossima volta dovrebbe fare più attenzione, perchè a questo punto il responsabile è Lei.
        La saluto cordialmente.
        Ing. Squizzato

        Rispondi
    18. Emilio

      Salve,
      realizzo pedali effetto per chitarra. Funzionano con un alimentatore esterno a 9 volts.
      Sono realizzati all’interno di una scatola di alluminio messa a massa.
      Le mie domande sono le seguenti:
      – Per apporre il marchio CE quali test/prove è necessario svolgere?
      – Il mio è un tipo di prodotto per il quale posso fare un’autocertificazione?
      – Nel caso mi debba rivolgere presso la vostra struttura quanto costerebbe?

      grazie

      Rispondi
      • admin

        Salve, il prodotto deve essere marcato CE, ne abbiamo già fatti di lavori analoghi, Le invierò un preventivo alla Sua mail.
        Cordiali saluti
        Gordana

        Rispondi
        • Cristian

          Salve,
          sarei interessato anche io ad un preventivo per una produzione analoga, effetti a pedale per chitarra alimentati a 9V.
          Grazie!

          Rispondi
          • admin

            Sale, Le ho inviato il preventivo per la marcatura CE dei prodotti elettrici.
            Cordiali saluti
            Ing. Squizzato

            Rispondi
    19. marco

      ciao ho creato un piccolo impanto di estrazione usando prodotti gia’ esistenti sul mercato….come posso fare?

      Rispondi
      • admin

        Salve, la definizione “impianto di estrazione” non mi consente di fornire alcuna risposta, dato che il termine è assolutamente generico.
        Cordiali saluti
        ing. Carraro

        Rispondi
    20. Vladimiro Angelucci

      Salve, sono un produttore di tralicci e pali, compro materiali certificati,li lavoro, li assemblo e li saldo. Spesso i lavori sono su misura. Vorrei sapere se la partita iva è sufficiente a rilasciare una autocertificazione per questi prodotti oppure necessito di certificazioni particolari anche quando non richieste dai clienti.
      grazie

      Rispondi
      • admin

        Salve, ritengo che non Le sia chiara la differenza tra dichiarazione di conformità e marcatura CE.
        Ciò che Lei deve fare è la marcatura CE, ovvero l’intero fascicolo tecnico, relativo ai Suoi prodotti, non si può rilasciare una dichiarazione di conformità in base a nulla. A cosa è conforme il Suo prodotto? Quali direttive e norme indicherà nella dichiarazione? Quali sono le destinazioni d’uso di questi prodotti, che ne determinano in modo vincolante il percorso di marcatura CE?
        Come vede le domande a cui fornire le risposte sono molte ed anche di più.
        Dovrebbe informarsi sulla marcatura CE dei prodotti da costruzione.
        La saluto cordialmente
        ing. Carraro

        Rispondi

    Invia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Share This